menù
TRAPANI

La provincia più occidentale della Sicilia e quella i Trapani, sovrestata dall’incantevole Erice con il suo castello, le case di sassi e le viuzze per la maggior parte pedonali, che domina tutto il golfo di Trapani, le Egadi e la costa che porta a San Vito lo Capo. Trapani è un comune italiano di 70.656 abitanti, conosciuta come Città del Sale e della Vela, ha sviluppato nel tempo una fiorente attività economica legata all’estrazione e al commercio del sale, giovandosi della sua posizione naturale, proiettata sul Mediterraneo, e del suo porto, antico sbocco commerciale per Eryx (l’odierna Erice), sita sul monte che sovrasta Trapani.

Si estende su una stretta lingua di terra circondata dal mare che si assottiglia verso la punta estrema di Torre Ligny. La mitologia vuole che una falce caduta dalle mani di Saturno, quest’ultimo il tradizionale dio patrono della città, si mutò in una lingua di terra arcuata sulla quale sorse poi la città, per tale forma detta appunto Drepanon (“falce” in greco antico). La città è posta ad un altitudine di 3 m sul livello del mare, il clima presenta inverni raramente freddi e le estati sono caratterizzate da caldi venti di Scirocco con temperature massime di 40°C. Questa zona vanta spiagge di unica bellezza e un paesaggio delineato da vigneti e olivi secolari.
L’olivo caratterizza il paesaggio naturalistico di quest'area e si estendono verso il Mar Tirreno e il Mediterraneo fin dal tempo dei Greci e dei Fenici. Molti degli oliveti impiantati dagli Spagnoli sono ancora oggi presenti nelle Valli Trapanesi e hanno assunto un valore storico e a volte monumentale. La Valle del Belice è un'area protetta costituita dal comprensorio entro il quale si estende il corso del fiume Belice che scorre nella parte occidentale della Sicilia. In quel lembo di terra verdeggiante a pochi chilometri dal mare, vicino i templi di Selinunte, nasce la Nocellare del Belice, nota anche come Oliva di Castelvetrano.
L’olivicoltura della Valle del Belice ha una lunghissima tradizione, specie per le olive da mensa: questa coltivazione è riuscita ad affermarsi quasi spontaneamente sia per le idonee caratteristiche ambientali che per i requisiti merceologici pregevoli della cultivar. Ereditata dai Greci, dal 1600 l’olivicoltura è stata per la Valle del Belice, se non la sola ed esclusiva risorsa economica, indubbiamente la più importante nell’ordinamento colturale della zona.
LA NOCELLARA DEL BELICE
La Nocellara del Belice rappresenta una cultivar molto pregiata ed è, tra le varietà autoctone siciliane, che nel 1998 ha ottenuto la certificazione DOP. Questa cultivar è ottima sia per la produzione di olio extravergine che per il consumo da mensa, grazie anche alla sua pezzatura molto grossa.
Il frutto della Nocellara del Belice è di grossa pezzatura, 5-7 grammi, con polpa consistente, croccante e leggermente amarognola. La drupa, di forma sferoidale e con base larga e arrotondata, varia dal verde intenso prima dell'invaiatura al rosso vinoso a maturazione. Gli alberi di Nocellara non sono molto grandi ma hanno una certa capacità di adattarsi alle più varie condizioni ambientali, sono autoincompatibile e per l'impollinazione si fa generalmente ricorso a varie altre cultivar, in special modo la Giarraffa e la Pidicuddara.
nocellara-del-belice
NOCELLARA DEL BELICE
L'Olio nasce da un'attenta raccolta a mano e da un'accurata selezione delle drupe migliori. Il clima e il suolo, caratteristici della zona, creano un olio che si caratterizza per il suo colore verde intenso. All'olfatto, l'olio extravergine di oliva in si presenta con un fruttato di oliva di media intensità accompagnato da note di mandorla, pomodoro verde, erba tagliata, carciofo e talvolta di erbe aromatiche. Il gusto è amaro, leggermente piccante e con una punta di dolce.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e per garantire alcune funzionalità. Continuando la navigazione accetti i nostri cookies. Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi